TRV 3.0 - Modulo Group Head Hunter Executive Search

Trv 3.0 costituisce la nuova frontiera della valutazione delle Risorse Umane per Modulo Group. Dopo 7 anni dalla pubblicazione del primo modello di intervento, abbiamo deciso di dare una svolta strategica all’approccio della valutazione di un candidato. Mentre fino a ieri chiedevamo al cliente quali fattori fossero per lui importanti in termini di valutazione di un candidato, oggi crediamo opportuno “metterci anche noi lo zampino”.

Da oggi quindi i candidati che presenteremo ai nostri clienti a seguito degli incarichi di ricerca e selezione del personale, saranno prima di tutto filtrati secondo un set di CONVINZIONI che riteniamo essenziale. Solo dopo aver “superato” i nostri standard, provvederemo ad approfondire quelle che vengono comunemente dette le competenze tecniche manageriali.

Ma veniamo al dunque… lo schema che utilizziamo nella valutazione delle persone ripropone fondamentalmente lo schema classico utilizzato nella teoria secondo cui il comportamento umano che appare in superficie è la punta di un iceberg sommerso molto più grande composto da quelli che si chiamano i sistemi dei VALORI e delle CONVINZIONI. Quindi il comportamento è una mera conseguenza del mix tra conoscenze tecniche e kit di convinzioni.

la metodologia del TRV 3.0 quindi identifica la dotazione di valori e convinzioni ritenute essenziali per accedere ad un processo di selezione:

CONVINZIONI

Spinta all’innovazione e al miglioramento

Trasparenza e onesta intellettuale

Holistic Responsability

Determinazione e orientamento al risultato

Adaptive leadership

Ricerca dell’eccellenza

 

Solo successivamente un candidato potrà essere preso in considerazione per quanto “vale” come manager prendendo quindi in considerazione l’approfondimento delle proprie competenze tecniche.

L’approccio metodologico non cambia, articolandosi sempre nelle classiche 3 fasi:

1) CONDIVISIONE DEL LINGUAGGIO – declinazione in coerenza con le esigenze organizzative il set di competenze da ricercare per poter raggiungere gli obiettivi che ci si pone;

2) VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO PASSATO – ottenuto sia attraverso una fase di valutazione esterna che di una autovalutazione del candidato stesso;

3) VALUTAZIONE SOGGETTIVA DELLA COERENZA DEL CANDIDATO NEL CONTESTO LAVORATIVO/PROFESSIONALE – gestito differentemente per l’utilizzo di finalità di selezione, da quello invece finalizzato alla valutazione delle perfomance review.

Il sistema in termini operativi ruota attorno a strumenti di lavoro semplici e concreti

a) PROFILO IDEALE
- coerenza agli stili;
- alle competenze tecniche, relazionali, valoriali;
- coerenza con aspettative economiche;
b) SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE
c) SCHEDA DI VALUTAZIONE ESTERNA
d) REPORT DI VALUTAZIONE
e) SCHEDA DI COMPARAZIONE

Per approfondimenti non esitate a contattarci.

Nuova immagine (5)